Twitter: un manuale d’uso per istituzioni e candidati politici

Twitter è consapevole di giocare un ruolo da protagonista nelle campagne politiche e dopo la partnership con Square che permette le donazioni con un tweet, insegna strategie di comunicazione politica ai suoi utenti più fedeli: i politici.
Il legame Twitter e politica diventa sempre più forte.

Negli ultimi giorni Twitter ha divulgato il manuale d’uso, con ricerca annessa, per candidati alle elezioni politiche ed istituzioni, con l’obiettivo di favorire il dialogo con i cittadini e lo sviluppo di nuove tecniche di ascolto.

Contatto diretto ed estemporaneo con gli elettori, continui aggiornamenti sulla campagna elettorale e la vita privata, possibilità di misurare l’opinione pubblica, sono solo alcuni dei vantaggi offerti da Twitter annoverati nel manuale.

L’obiettivo della ricerca citata nel manuale è quello di indagare le cause dell’ user engagement, studiando la relazione tra i retweet e la presenza o meno nel tweet delle seguenti caratteristiche: foto, hashtag, link, video e dati.

Twitter e il Manuale d'uso per i politici

Dall’analisi di 2 milioni di tweet emerge che le foto influenzano positivamente il numero di retweet. Nella ricerca, i profili istituzionali e politici analizzati che condividono tweet con foto registrano un aumento di retweet del 62% rispetto a tweet esclusivamente testuali.

Quindi per garantire una forte risonanza del tweet, i 140 caratteri devono esser accompagnati da una foto, meglio ancora se le foto sono 4, modificate con i filtri disponibili sulla piattaforma e con i tag di eventuali altri profili.

Nonostante ciò – continua il manuale – anche gli altri elementi possono spingere i follower al retweet.

Gli #hashtag possono essere un’efficace call to action e contribuiscono a far sentire i follower come parte di un evento.

I video, preferibilmente realizzati con Vine, l’app di Twitter che permette di creare brevi video in loop e condividerli direttamente sulla piattaforma madre. Sei secondi di video per condividere dettagli della propria vita personale e politica, oppure per divulgare dati e statistiche, come nel tweet del politico statunitense Randy Neugebauer.

Ed una volta che si è favorito il retweet, interagire e sviluppare iniziative per poter comunicare con i propri follower.

Il Live Tweeting è sicuramente una delle soluzioni più conosciute, ma Twitter suggerisce anche altre strategie per favorire la comunicazione bidirezionale.

Rispondere alle menzioni, portare all’attenzione nazionale una questione locale oppure fare come Hillary Clinton che nel febbraio del 2014 condivide il seguente tweet.

Hillary Clinton TweetIl tweet ha avuto oltre 50.000 retweet e il profilo ha guadagnato 33,600 follower nuovi.

Costruire una Twitter Q&A, in modo che elettori e cittadini possano avere un contatto diretto con il candidato o con l’istituzione. Considerando tutti gli aspetti del prima, durante e dopo, spiegati dettagliatamente nel manuale.

Un’utile guida per tutti i politici e le istituzioni che desiderano integrare il piano di comunicazione con il profilo Twitter. Con le conoscenze trasmesse gratuitamente dal manuale  è garantita la condivisione, l’engagement e l’interazione.

Semplice generosità o strategia di riposizionamento?

Alessia Cuoco
Follow me

Alessia Cuoco

Laureata in Comunicazione d'impresa e pubblica presso l'Università degli Studi di Salerno, innamorata del web marketing e di tutte le sue sfumature. Social media manager e web content manager dell'Osservatorio Culture Giovanili Ocpg.
Alessia Cuoco
Follow me

Rispondi